Archivio mensile : novembre 2016

Plusvalenza da lease back – Tassazione ripartita lungo il contratto

Dopo decisioni opposte nell’ambito delle commissioni tributarie di merito, la Cassazione dà ragione all’impresa che ha ripartito la plusvalenza derivante da un lease back su un immobile, sia dal punto di vista contabile sia dal punto di vista fiscale, in modo omogeneo lungo la durata del contratto di locazione finanziario, respingendo la richiesta dell’agenzia delle…
Leggi

Nuovi Adempimenti: vittime o carnefici? L’importante è organizzarsi!

Il Decreto Fiscale, recentemente convertito in Legge, ha appena affibbiato ai titolari di partite iva, una serie di nuovi adempimenti fiscali, che si ribalteranno conseguentemente sugli studi commerciali. Le rappresentanze delle imprese e degli artigiani sono immediatamente insorte, gridando alla sempre maggiore complessità del sistema ed alla iniquità di questi ulteriori pesi. Gli intermediari fiscali…
Leggi

La pericolosa pratica di distribuire acconti utili nelle società di persone

È pratica assolutamente consolidata e malsana quella di distribuire ai soci di società di persone degli acconti sugli utili che emergeranno poi dal rendiconto annuale una volta trascorso l’anno. Si tratta di una pratica vietata e pericolosa. L’articolo 2303 del Cod. Civ. prevede che “Non può farsi luogo a ripartizione di somme fra i soci…
Leggi

I prelevamenti ingiustificati non sono automatica evasione fino 1.000 euro giornalieri e/o 5.000 mensili

In tema di accertamenti basati sulle indagini finanziarie, il DL 193/2016 pone paletti e limiti quantitativi sull'uso dei dati emergenti dalle stesse. Riguardo a questo delicato tema, ripetutamente interessato da molteplici interventi sia del legislatore che della Corte Costituzionale e della Cassazione, è ben noto da molti anni che il Fisco può accertare maggiori ricavi occulti…
Leggi

Omessa dichiarazione dei redditi da parte dell’intermediario – Responsabilità e sanzioni

Il commercialista che ha assunto l’obbligo di invio telematico delle dichiarazioni fiscali, può essere chiamato a rispondere, in via esclusiva, dell’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi dei propri clienti. In linea generale, infatti, la legislazione tributaria stabilisce che il contribuente, il sostituto e il responsabile d'imposta non sono punibili, quando dimostrano che il pagamento del…
Leggi