Tag Archives : datore di lavoro

Cosa succede se il lavoratore part time non ha firmato il contratto di lavoro?

Come è noto il D. Lgs. 81/2015, detto anche “il Codice dei Contratti” ha riscritto le regole contenute di tutte le tipologie contrattuali, spesso – naturalmente – riprendendo i contenuti delle norme che regolavano le tipologie contrattuali in precedenza al Jobs Act. In particolare, il Capo II del D. Lgs. 81/2015, definisce negli artt. 4…
Leggi

Gli ultimi chiarimenti dell’Ispettorato del lavoro sul rispetto dei contratti collettivi, benefici contributivi e Welfare Aziendale

L’Ispettorato Nazionale del lavoro è tornato (ancora) a fornire dei chiarimenti sull’ostica e delicata materia del DURC interno. La disciplina, come noto, è regolata dal famigerato art. 1, comma 1175, L. n. 296/2006 che molto spesso abbiamo visto accompagnato alle note di rettifica, nel recupero dei benefici contributivi dell’Ente previdenziale. In particolare, la Circolare in…
Leggi

FORFETTARI CON DIPENDENTI E COLLABORATORI – LA RITENUTA È D’OBBLIGO

La disciplina del regime forfettario, introdotta dalla legge di stabilità 2015, è stata oggetto di rilevanti modifiche ad opera dell’art. 1, commi da 9 a 11, della legge n. 145/2018 (legge di bilancio 2019). Come noto, dal 2019 possono accedere al regime forfetario, le persone fisiche, esercenti attività d’impresa, arti o professioni, a condizione che…
Leggi

NUOVE DOMANDE ANF, dal 1 aprile solo in via telematica!

Tutto il mondo amministrativo del personale è stato sicuramente sbalordito dopo la pubblicazione, dopo pochissimi e fugaci rumors, della recentissima Circolare dell’INPS n. 45 del 22 marzo. Tale provvedimento rappresenta una e vera e propria rivoluzione sulle modalità di presentazione della domanda degli Assegni per il Nucelo Familiare. L’Istituto anzitutto riporta il quadro di riferimento…
Leggi

L’accertamento analitico-induttivo è legittimato dal lavoro “nero”

In presenza di contabilità formalmente regolare, se vi siano elementi desumibili da altri controlli che inducano a ritenere l’incompletezza, la falsità o l’inesattezza degli elementi indicati in dichiarazione, l’art. 39, comma 1, del DPR n. 600/1973 consente l’accertamento presuntivo, con onere probatorio che, pur assolvibile mediante la prova presuntiva, incombe sempre sull’Amministrazione finanziaria. Tra i…
Leggi