Tag Archives : cassazione

ACCERTAMENTI, LA CASSAZIONE HA COLORATO LA DELEGA “IN BIANCO”

La musica è cambiata! La delega alla sottoscrizione dell’avviso di accertamento non è una delega di funzioni, ma una semplice delega di firma e, quindi, essa è valida anche se non è presente l’indicazione nominativa del delegato, né la durata della delega: in sostanza, anche “in bianco” è da considerare legittima. Nelle scorse settimane la…
Leggi

“A me nun me sta bene che no” ! L’interpretazione irretroattiva della Cassazione sul “nuovo” art. 20 del Tur non mi piace

Se la questione in argomento affrontata dalla Cassazione non fosse una cosa che interferisce con la vita dei contribuenti, risulterebbe anche divertente. Dopo l'entrata in vigore della Legge di bilancio 2019 e con il perentorio chiarimento in ordine alla natura di norma di interpretazione autentica della modifica dell'articolo 20 del Dpr n. 131/1986, fissata nella…
Leggi

La valutazione delle osservazioni del contribuente non sono un optional per l’Ufficio

In attesa della riforma del procedimento di accertamento (decreto semplificazione), i Giudici di Merito e quelli della Cassazione convergono sull'obbligo endo-procedimentale del necessario preventivo contraddittorio che deve risultare effettivo e reale. Nessuna finzione quindi. L’atto è nullo se l’ufficio in modo puntuale e preciso non indica nelle motivazioni il “perché” del rigetto delle argomentazioni difensive…
Leggi

Spese del processo civile e trattamento Iva

In base a quanto stabilito dall’art. 91 c.p.c., le spese del processo civile sono poste a carico della parte soccombente. Accade quindi che la parte vittoriosa ottenga il rimborso delle spese legali sostenute, oppure che l’avvocato venga, tramite provvedimento del giudice, liquidato direttamente dalla parte soccombente. In tal caso, è necessario individuare quale sia il…
Leggi

L’accertamento analitico-induttivo è legittimato dal lavoro “nero”

In presenza di contabilità formalmente regolare, se vi siano elementi desumibili da altri controlli che inducano a ritenere l’incompletezza, la falsità o l’inesattezza degli elementi indicati in dichiarazione, l’art. 39, comma 1, del DPR n. 600/1973 consente l’accertamento presuntivo, con onere probatorio che, pur assolvibile mediante la prova presuntiva, incombe sempre sull’Amministrazione finanziaria. Tra i…
Leggi